mercoledì 3 dicembre 2014

Editoriale

Un festival di poesia esclusivamente femminile quello celebratosi a Santa Ana, El Salvador, dal 10 al 16 agosto 2014. E i testi presentati in questa plaquette dedicato al II Festival Internacional de Poesía de Occidente, sono stati scelti proprio perché descrivono varie sfaccettature dell’universo femminile: la donna ancestrale, madre di ogni madre (Caraza), con fango fertile nel ventre e una luna tatuata nel petto, fanciulla allegra trasfigurata in versi (Membreño), personificazione stessa della poesia, bimba aggrappata alla figura materna (Soto), ballerina in bilico di fronte all’assenza del padre (Zingone), ragazza perduta ma che non accetta maschere (Torres), sospinta al suicidio (Rivera) ma salvata dai versi, infine donna-morte essa stessa, pure lei femminile (Molina), in un circolo eterno sotto il segno di Eva, che è genitrice ma anche abbraccio mortale nella terra ultima. Un susseguirsi, in questa plaquette, di immagini femminili che definiscono, in versi, l’eccezionale universo interpretato in sette ruoli, con sette timbri, secondo sette angolazioni.
La posizione di privilegio del Progetto 7LUNE che ha potuto presenziare al festival attraverso la partecipazione della sua condirettrice Silvia Favaretto, ci ha permesso di sintetizzare in queste poche pagine il prezioso contributo che questo incontro poetico lascia attraverso la ben orchestrata organizzazione della Fundación Metáfora e la qualità delle poete partecipanti, che con questo “speciale” vogliamo portare alla vostra conoscenza.

Editoriale della Plaquette Monografica del Progetto 7LUNE - MEZZALUNA Plaquette Monografica Festival di Santa Ana (El Salvador) 2014. Per vedere o ascoltare il numero completo fare clik QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie!