mercoledì 14 gennaio 2015

Arte e Poesia di malati di SLA

Qualche mese fa abbiamo aperto un bando con l'intenzione di realizzare una delle nostre plaquette 7LUNE dedicata esclusivamente a poeti e artisti malati di SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica) con la speranza di pubblicarla a giugno in occasione della giornata della SLA. Purtroppo non abbiamo ricevuto materiale sufficiente per realizzare un'intera plaquette ma vogliamo comunque condividere con voi 5 testi provenienti da Italia, Spagna e Ispanoamerica, che vi proponiamo in traduzione bilingue di Silvia Favaretto. Le immagini ad accompagnare ogni poesia sono di Stella Boni, gentilmente prestate dal figlio, che ringraziamo, così come ringraziamo i poeti che hanno voluto dare forma alla loro ispirazione in queste righe.



Victoria Gómez (Spagna)

BAJO TU EMBRUJO


Bajo la luna llena de terciopelo,
la madre primeriza acunaba a su recién nacido.

Bajo la luna llena de menta,
el escritor llamaba a sus musas.

Bajo la luna llena de Agosto,
Humphrey Bogart besaba a Ingrid Bergman en el cine de verano.

Bajo la luna llena de hiel
el hombre lobo llegó a París a buscar a su víctima.

Y por fin, bajo la luna de miel,
los amantes se encontraron para buscar un beso furtivo.


SOTTO IL TUO INCANTESIMO

Sotto la luna piena di velluto,
la neomamma cullava il suo bebè appena nato.

Sotto la luna piena di menta,
lo scrittore convocava le sue muse.

Sotto la luna piena di Agosto,
Humphrey Bogart baciava Ingrid Bergman nel cinema all’aperto.

Sotto la luna piena di fiele,
l’uomo lupo arrivò a Parigi in cerca della sua vittima.

Ed in fine, sotto la luna di miele,
gli amanti s’incontrarono in cerca di un bacio furtivo.



Paolo Marchiori (Italia)


LA SUA LUCE


Inciampai un giorno e caddi.
Steso sul letto guardai.
E vidi dalla finestra
entrare
senza avvertire
senza bussare
angoscia e disperazione.
Vidi l’oscurità
e crebbe in me la paura.
Mi si appiccicò
e non mi abbandonò.
Immobile e prigioniero
mi prese gambe..braccia
e..continuò.
Non potevo far nulla
e mi sconvolsi e piansi.
Nelle notti silenziose
si sommavano i pensieri.
E poi all’improvviso
apparve un bagliore.


SU LUZ

Tropecé un día y me caí.
Tendido en mi cama miré.
Y vi desde la ventana
entrar
sin llamar
sin golpear
angustia y desesperación.
Vi la oscuridad
y creció en mi el miedo.
Se me pegó
y no me abandonó.
Inmóvil y prisionero
me tomó las piernas... los brazos
y... siguió.
No podía hacer nada
me derrumbé y lloré.
En las noches silenciosas
se sumaban los pensamientos.
Y luego, de repente
apareció un resplandor.



Fredy Vega Romero (Colombia)


MI MAYOR DESEO


Estrellita de los deseos…
Te pido porque mi papito Pueda volver a caminar
Para ir de nuevo al parque Donde juntos solíamos jugar

Trébol de cuatro hojas…
Te pido porque mi papito Pueda volver a hablar
Y me siga leyendo los cuentos Un poco antes de irme a acostar

Fuente de los deseos…
Te pido porque mi papito Nunca deje de sonreír
Porque con una sonrisa suya Él hace de mi vida un mundo más feliz

Arco iris de mil colores…
Te pido porque mi papito Pueda su guitarra volver a tocar
Y que con sus notas musicales Él me enseñe a cantar y bailar

Dios que estas en los cielos
Haz que todos mis deseos Se conviertan en realidad
Y devuelvas la salud a los enfermos Y los protejas siempre de todo mal


IL MIO PIÚ GRANDE DESIDERIO

Stella dei desideri...
Ti chiedo che il mio papà possa tornare a camminare
per andare di nuovo al parco dove eravamo soliti giocare assieme

Quadrifoglio...
Ti chiedo che il mio papà possa tornare a parlare
e mi continui a raccontare le favole poco prima che io vada a dormire

Fontana dei desideri...
Ti chiedo che il mio papà non smetta mai di sorridere
perchè con un suo solo sorriso rende la mia vita più felice

Arcobaleno di mille colori...
Ti chiedo che il mio papà possa suonare di nuovo la chitarra
e con le sue note musicali mi insegni a cantare e ballare

Dio che sei nei cieli
Fa che tutti i miei desideri divengano realtà
e ridai la salute ai malati e proteggili sempre da ogni male.



Roberta Scappaticcio (Italia)


MI MANCHI


Sola, in mezzo
alla pioggia
piango con lei,
triste, delusa
da questo cielo nero
MI MANCHI AMORE MIO
non trovo più,
quel cielo stellato,
dove un bacio , ti ho rubato
MI MANCHI AMORE MIO
fra un sospiro e una lacrima,
esprimo un desiderio,
poterti dire,
sei tu, l'amore vero.


TE EXTRAÑO

Sóla, en el medio
de la lluvia
lloro con ella,
triste, desilusionada
por este cielo negro
TE EXTRAÑO MI AMOR
no encuentro más,
aquel cielo estrellado,
en el que un beso te he robado
TE EXTRAÑO MI AMOR
entre un suspiro y una lágrima,
pido un deseo,
poder decirte,
eres tú el amor verdadero.



Valentina Velázquez (Spagna)


IMPRESIÓN NOCTURNA

A eso de la media noche,
ahí estaba,
asomado a la ventana;
esperando que la luz de plata
alumbrara su llegada.
Galopa, galopa, corazón,
al encuentro de tu amada.
Estrellas adornan su cuerpo,
que dejan verle la cara.
-¿Eres tú?
-¿Por quién suspirabas?
-No dudo, ya no…
En mi caballo de nácar,
partimos de madrugada,
antes que el radiante sol
cegara nuestras miradas.
Adelante, corazón,
no dejes de galopar;
aunque sea con luz de plata
no detengas tu soñar.


IMPRESSIONE NOTTURNA

A circa mezzanotte,
era lì,
affacciato alla finestra;
sperando che la luce argentata
illuminasse il suo arrivo.
Galoppa, galoppa, cuore,
verso l’incontro con la tua amata.
Le stelle adornano il suo corpo,
che permettono di vedere il suo volto.
-Sei tu?
-Per chi sospiravi?
-Non ho più dubbi, ora non ne ho più.
Sul mio cavagllo di madreperla,
prima che il sole raggiante
accechi i nostri sguardi.
Avanti, cuore,
non smettere di galoppare,
anche se solo con luce d’argento
non frenare il tuo sognare.

3 commenti:

  1. Leggerle corrispondere a vivere un'emozione! Veramente belle.

    RispondiElimina
  2. La prima poesia era di Victoria, una ragazza di 43 anni con la malatia SLA, la quale è morta 4 settimane fa. Lei non scriveva, ma po a po io, il suo amico, che la visitava due volte per settimane comenciamo a scrivere piccoli racconto e alla fine poesia . La sua vita era piena di sentimenti e amore per tutti. Una bella e brava personne. Scusi il mio italiano.

    RispondiElimina

Grazie!