sabato 2 maggio 2015

Dalla Settima Plaquette di Poesia Ispanoamericana 7LUNE - KIKE ZEPEDA (El Salvador)

Per scaricare GRATUITAMENTE il numero completo cliccare  

Per ricevere notifica Email dell'uscita delle prossime Plaquettes (con i link per scaricarle) cliccare  

OTRA PALABRA PARA LLAMARME A COMER
(Madre me llama a comer, dice hijo / hijo es una palabra, que como hilo / sirve para muchas cosas)

¿Te das cuenta Madre? ahora ya podés decir
            – gritalo si querés –
“Tengo un hilo que es poeta, toca la guitarra mientras piensa el amor
y estudia antropología” y yo diría con todo orgullo “Si madre, yo soy tu hilo”
Y mientras voy a vos, como si enrollaras el carro del hilo
podés decir también
“tengo otro hilo, que estudia para construir cosas y luchar le gusta también”
Mi hermana solo diría “Si madre ahí voy”
Mientras se deja enrollar por tus manos
Y terminas de enrollar el carrito de hilo en tus manos diciendo
“tengo otro hilo que estudia, que es el más inteligente…”
Este es el hilo más difícil de enrollar
Pero se enrolla siempre
Y el mundo se dejaría reparar los agujeros con los hilos desde tus manos
No importa si me llamas para comer
o empiezas a enrollar el carrito del hilo,
Yo sé que en todas tus palabras
Me esconden un te amo

UN’ALTRA PAROLA PER DIRMI DI VENIRE A MANGIARE
(Mia madre mi chiama perché vada a mangiare, dice figlio / figlio è una parola, che come filo / serve per molte cose)

Hai visto, mamma? puoi già dire
            – gridalo se vuoi –
“Ho un filo che è poeta, suona la chitarra mentre pensa all’amore
e studia antropologia” ed io direi pieno di orgoglio “Si mamma, io sono il tuo filo”
E mentre vado verso di te, come se riavvolgessi il rocchetto del filo
puoi anche dire
“ho un’altro filo, che studia per costruire le cose e ama anche la lotta”
Mia sorella direbbe semplicemente “Sì, mamma, vengo subito”
Mentre si lascia riavvolgere dalle tue mani
e tu finisci di avvolgere il rocchetto di filo tra le tue mani dicendo
“ho un altro filo che studia, che è il più intelligente…”
Questo è il filo più duro da riavvolgere
Ma alla fine si avvolge sempre
E il mondo si lascerebbe riparare qualsiasi buco con i fili imbastiti dalle tue mani
Non importa se mi chiami perché vada a mangiare
o se cominci a riavvolgere il filo al rocchetto,
Io so che ognuna delle tue parole
Mi nasconde un ti amo

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie!